Post per Amore

Milano città dei single

con 3 commenti

Una recente indagine condotta dall’ISTAT e pubblicata sul Corriere della Sera ci mostra Milano come “La città dei single”.
Sono il 50,6% quasi come nelle città americane (New York nel 2007 contava un 51% di donne single).
In Italia la media è al 28,4%. La tendenza alla crescita delle famiglie single è in atto nel nostro Paese da un trentennio.
Le cause:

  • Molti giovani si trasferiscono dal Sud – i più imprenditori e preparati;
  • Molti anziani vedovi soprattutto donne;
  • La costante crescita di separati e divorziati;

Ma da quanto emerge dall’anagrafe milanese ci sarebbe un quarto “fattore single” legato all’immigrazione soprattutto da quando la Romania è entrata nella Unione europea. Oggi infatti ci sono molti ex clandestini registrati in Comune.
Risulta poi che solo il 15% siano contenti della loro condizione di single. La maggioranza la subisce.
Al di là dell’indagine qual’è la realtà…?

milanoSingle

Share

No related posts.

Related posts brought to you by Yet Another Related Posts Plugin.

Scritto da Post per Amore

January 14th, 2010 at 4:51 pm

3 risposte to 'Milano città dei single'

Iscriviti ai commenti tramite RSS or TrackBack verso 'Milano città dei single'.

  1. Personalmente credo poco ai “single per scelta”.
    La difficoltà è sempre la stessa.
    Ci si integra poco, si ascolta poco e sopratutto il nostro egoismo frena ogni tipo di predisposizione verso l’altro sesso.
    Peccato ci si ritrovi poi, una volta chiusa la porta di casa, a fare un magro bilancio dei nostri rapporti interpersonali, ancora più magro quando non si hanno più ventanni…
    Oggi più che mai c’è bisogno di innamorarsi,prendersi un pò meno sul serio aprirà a relazioni più semplici , spontanee e durature.

    Maria

    15 Jan 10 alle 16:00

  2. Milano? Per una donna del sud come me è deprimente, tutti imbalsamati come manichini, parlo degli uomini in prima linea. Quante elucubrazioni mentali per non dire altro, dopo i 40 sono terrorizzati dalle donne, li incontri nei locali e gli approcci sono i peggio sentiti in giro per il mondo. Fragili e insicuri, si accompagnano a straniere stragnocche perche’ meno esigenti e rompiballe! Vuoi mettere discutere con una che non parla nemmeno italiano, che bel confronto.. almeno avranno sempre ragione.
    La adoro perchè mi dà tanto, pur essendo limitante per i rapporti personali.. ciò che si crea spesso è privo di progettualita’,e per una come me, legata molto ai veri valori, a volte è proprio dura.

    Lucestella

    15 Jan 10 alle 16:57

  3. Concordo totalmente con Maria.
    All’inizio può essere una scelta, soprattutto se attività professionale, amicizie e hobbies mettono un pò di “sale” nella vita di tutti i giorni…
    Alla lunga mancano tante cose… il confronto con l’altro, l’intimità, un abbraccio, la condivisione della propria esistenza con chi si stima e ti apprezza, per come sei, anche nei difetti.
    Insomma, se a 20 anni è giusto fare le proprie esperienze, col passare degli anni è bello essere in due e costruire un’unione che dia forza e serenità.

    caterina

    16 Jan 10 alle 18:14

Lascia una risposta

MpConsulenze: il modo giusto di fare amicizia e conoscere persone interessanti.

Annunci e incontri per Lui - Appuntamenti per Lei - Annunci per Single - Annunci di Donne a Milano - Incontrare Ragazze a Milano